Paura. Ore di attesa ed ansia a Catania. Il MediCane (che da poche ore ha un nome: Apollo), l’uragano mediterraneo che si sta potenziando tra Malta e la Sicilia, potrebbe impattare sull’isola e sulla Calabria.

Tutto chiuso, poca gente in giro

Il capoluogo etneo, che è interessato dal maltempo e nei giorni è stato colpito maggiormente da un nubifragio che ha provocato danni ingenti, allagamenti e vittime, vive con maggior ansia questa attesa. Ieri il sindaco Pogliese ha annunciato l’ordinanza che chiude per il 28 e 29 ottobre scuole, uffici pubblici ed attività commerciali non essenziali.

Poca gente in giro, negozi chiusi e sacchetti di sabbia, cartoni, cellophane e tavole di legno a proteggere ingressi e vetrate, supermercati presi d’assalto, chiusi gli uffici pubblici e le scuole, aperti soltanto i servizi essenziali e di emergenza e soccorso.

Catania si barrica

Catania si barrica. Lo storico mercato della Pescheria, sotto piazza Duomo dominata dalla statua in pietra lavica del ‘Liotru’, l’elefante simbolo di Catania, è chiuso e lo si attraversa in un silenzio surreale per chi è abituato al ‘vannio’, alle urla dei venditori.

 

Rispondi