La sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Catania ha disposto la confisca, eseguita dai Carabinieri del Ros, di beni per complessivi 7 milioni e 700mila euro ritenuti riconducibili a presunti vertici mafiosi. Tra i destinatari vi sono infatti Benedetto “Nitto” Santapaola e suo nipote Aldo Ercolano, oltre a Giuseppe Mangion (figlio di Francesco ‘Ciuzzo’ Mangion, ritenuto boss e luogotenente di Santapaola) e agli imprenditori Giuseppe Cesarotti e Mario Palermo, indagati di essere dei prestanome del clan. Rientrano tra i beni confiscati 12 immobili in 3 diversi Comuni etnei, e alcune società già sottoposte a sequestro preventivo: la Tropical Agricola Srl di Catania, GR Transport Logistic di Mascali, LT logistica di Mascalucia e Trasporti Srl di Mascalucia.

Rispondi