Ad Agrigento, il pubblico ministero, Sara Varazi, a conclusione della requisitoria, ha chiesto la condanna all’ergastolo a carico di Angelo D’Antona, 36 anni, di Raffadali, e 16 anni di reclusione per Antonino Mangione, 41 anni, anche lui di Raffadali, imputati, e giudicati in abbreviato, dell’omicidio del pensionato di Raffadali, Pasquale Mangione, 69 anni, ex dipendente del Comune di Raffadali, ucciso a colpi di pistola in contrada “Modaccamo”, nelle campagne fra Raffadali e Cianciana, il 2 dicembre del 2011. Il movente del delitto sarebbe da collegare alla condotta di Pasquale Mangione, il quale avrebbe esposto lui stesso e la sua famiglia al pubblico ludibrio, disturbando e molestando diverse donne.

Rispondi