E’ morto ad Agrigento Pippo Flora, musicista agrigentino cresciuto in una famiglia di artisti intimi della famiglia Pirandello. Oltre alla musica, tra l’altro, sono suoi gli importanti arrangiamenti de “I Promessi Sposi – Opera Moderna”, creati con particolare attenzione alle sonorità strumentali. Sue anche le armonizzazioni dei cori dei quali è da sempre attento e colto studioso. Sovrintendente per 12 anni del Teatro Pirandello di Agrigento, ha cresciuto intere generazioni di artisti. Da sempre appassionato di jazz, ha iniziato la carriera musicale con alcune opere: Ulisse, Orfeo, un Romeo and Juliet in dialetto siciliano, la storia d’amore tra un ragazzo ebreo e una ragazza musulmana, e Nela e Sahabin altra storia d’amore basata su una leggenda rappresentata all’estero in alcuni teatri lirici. Alla musica, in una sorta di ‘sdoppiamento creativo’, ha alternato la passione per la natura che, grazie anche a una laurea in Agronomia, gli ha permesso di creare per la sua città magnifici giardini. Alla famiglia Flora le condoglianze da parte degli editori e dello staff di Teleacras.

Rispondi