Il ministero dell’Interno ha assegnato Porto Empedocle come porto sicuro di sbarco alla nave umanitaria Sea Watch 4, con a bordo, da oltre una settimana, 299 persone tra cui 24 donne, 3 bambini e 22 minori non accompagnati. Nel corso dei giorni sono state effettuate numerose evacuazioni sanitarie. La Ong tedesca commenta: “E’ scandaloso che alle persone sia riconosciuto il diritto a un porto sicuro solo quando sono in pericolo di vita”. Ieri, come pubblicato, la Comunità ecclesiale di Licata ha lanciato un appello per consentire l’approdo.

Rispondi