LIVE SHOW “DALLO STORYTELLING DIGITALE AL METAVERSO”

Frank Matano, The Jackal e Camihawke. Esibizione live di Michele Bravi

Spettacolare accensione dell’opera “Luna Somnium” di *fuse

 

Link alle foto dei partecipanti: https://we.tl/t-SrpBrMnOcq

 

Roma 18 luglio 2022 – Videocittà, il Festival che esplora le nuove e più avanzate forme dell’audiovisivo, ideato da Francesco Rutelli, si aprirà il 20 luglio alle 21.00 con il live show “Editori e Creators digitali: dallo Storytelling al Metaverso” (Gazometro di Roma – Via del Commercio, 9/11).

L’evento, in collaborazione con Anica, è curato da Manuela CacciamaniPresidente dell’Unione Editori e Creators Digitali. La serata si aprirà con l’intervista all’attore Frank Matano e proseguirà con tre talk. Si confronteranno sul tema: Pierluigi Colantoni, Direttore Comunicazione RAI ed Elena Capparelli, Direttore Contenuti Digitali Rai e Rai Play; i content creators The Jackal e Camihawke, i rappresentanti delle aziende Creators Digitali Luca Leoni, CEO di Show Reel Media Group e Niccolò Vecchiotti, CEO di Newco Management. Moderano i panel la giornalista Alessandra Vitali e la produttrice Manuela Cacciamani.

Al termine dei talk il cantante Michele Bravi si esibirà in una performance live.

Alle ore 22,30 avrà luogo la spettacolare accensione dell’opera “Luna Somnium” di *fuse (https://www.fuseworks.it/studio/).

Il festival Videocittà, diretto da Francesco Dobrovich, si terrà al Gazometro, splendido esempio urbano di architettura industriale, e accoglierà per 5 giorni la Luna Somnium, l’installazione site specific di fuse* prodotta per Videocittà da Eni, una sfera sospesa di venti metri proiettata a 360° sarà visibile da gran parte della città, catturando l’attenzione da ogni possibile punto di osservazione anche al di fuori della cintura urbana.

All’interno dell’iconico complesso industriale il pubblico avrà la possibilità di osservare l’installazione muovendosi sotto la sfera ed immergendosi in un’esperienza audiovisiva onirica capace di alterare la percezione dello spazio e del tempo.

Con ENI, main partner, il festival si avvale del contributo di Regione Lazio, Camera di Commercio di Roma, in collaborazione con ANICA, e si svolgerà nell’area del Gazometro, una vera e propria “cittadella” sconosciuta ai più – seppur nel cuore del quartiere Ostiense, fra i principali snodi della creatività metropolitana – che si appresta a diventare una sorta di “isola che non c’è”.

La Rai si conferma Media Partner anche di questa edizione di Videocittà, alla storica collaborazione con le reti e le testate quest’anno anche RaiPlay collaborerà all’evento in qualità di Digital Partner.

 

 

L’Unione “EDITORI E CREATORS DIGITALI” dell’Anica

E’ dedicata ai protagonisti della galassia dell’audiovisivo e dello storytelling digitale ed è nata per promuovere l’industria dei contenuti digitali che ruotano intorno al cinema, per codificare i nuovi mestieri del digitale, per cooperare sulla formazione con università, scuole e centri di ricerca e per diventare un riferimento per le istituzioni nazionali, regionali e internazionali. Presidente è Manuela Cacciamani, vice Presidenti sono Vincenzo Piscopo, Studios Director di Ciaopeople, e Carlo Rodomonti, Responsabile Marketing Strategico e digital di Rai Cinema.

Una filiera che crea, produce e distribuisce formati nativi digitali (a titolo esemplificativo web doc, social stories), contenuti di mixed reality e/o interattivi (realtà virtuale, realtà aumentata, i-doc), branded content, produzioni cross e transmediali, videomapping, live cinema e tanti altri contenuti sempre più presenti e significativi nell’ecosistema mediatico.

 

Sinossi dell’Opera

Luna Somnium è un’installazione site specific di fuse* prodotta per Videocittà da Eni e che caratterizzera il grande Gazometro.  Luna somnium è ispirata al tema della transizione: un processo che, con visione strategica, pragmatismo, scelte condivise e partecipate, porti concretamente alle necessarie innovazioni e a un nuovo e più radicale modo di interpretare il rapporto fra essere umano, energia e ambiente.

Il titolo dell’opera trae ispirazione da quella che viene considerata la prima opera di fantascienza mai scritta: Il “Somnium” (il sogno). Si tratta di un racconto scritto da Giovanni Keplero nel 1600, dove il lettore, seguendo il protagonista, scivola in un sogno che lo porta sulla Luna, ne conosce gli abitanti e osserva un cielo diverso, che sfida il senso comune con l’intento di convincere i sostenitori della teoria geocentrica della validità del sistema eliocentrico. La luna diventa così il luogo dal quale è possibile osservare la Terra, la realtà, da un punto di vista inedito che mette in crisi convinzioni e certezze, stimolando una transizione verso un nuovo modo di percepire e vivere la realtà.

Una visione che Eni persegue con la ricerca di nuove forme di produzione energetica sostenibili, come la fusione a confinamento magnetico, una fonte di energia sicura, sostenibile e inesauribile, che tolto ‘innova’ porta sulla Terra i principi con cui il Sole genera la propria energia.

 

Videocittà

Videocittà è un festival, ma soprattutto una piattaforma aperta e innovativa che da cinque anni rende Roma una città ancora più internazionale, coinvolge un pubblico sempre più vasto (oltre 450.000 presenze nelle precedenti edizioni) e senza limiti d’età, attraversando e abitando il territorio urbano nelle sue varie articolazioni: dalle meravigliose piazze storiche della città alle gallerie d’arte, dagli spazi di archeologia industriale ai luoghi più istituzionali. Una piattaforma capace anche di favorire la circolazione internazionale delle idee e promuovere l’eccellenza della filiera produttiva e occupazionale dell’audiovisivo.

Rispondi