Nuove segnalazioni di reperti sommersi sono
giunte in questi giorni alla Soprintendenza del Mare della Regione
Siciliana, diretta da *Ferdinando Mauurici.

Il primo reperto è stato segnalato da Marcello Consiglio, dipendente
dell’Assessorato regionale dei Beni culturali che, durante un’immersione
nell’isola di Linosa, ha individuato sul fondale un ceppo in piombo di ancora e un’anfora apparentemente intatta, forse di età tardo romana (potrebbe ipoteticamente essere una Keay XXIII/Lusitania IV/Almagro 51 di fine III-IV secolo d.C.). Sono già state attivate le indagini per un
approfondimento sul ritrovamento.

Un secondo reperto a Pozzallo, in provincia di Ragusa, dove le “Secche di Circe” continuano a restituire tracce degli innumerevoli naufragi avvenuti fin dall’antichità. In una zona delle secche, abitualmente frequentata da pescatori in apnea, infatti Antonino Giunta, collaboratore volontario della Soprintendenza del Mare e componente del Gruppo Subacqueo dell’associazione culturale BCsicilia, ha individuato quelle che sembrerebbero essere a un primo sguardo le tracce di un relitto.

Su autorizzazione della Soprintendenza del Mare, l’associazione con Gaetano
Lino e Antonino Giunta ha effettuato una serie di prospezioni subacquee documentando, con un rilievo tridimensionale, che evidenzierebbero un sito lungo circa 14 metri e largo 5.

Il ritrovamento, che sembra essere costituito da legni lavorati e rivestiti
da lamine di piombo, diversi elementi plumbei e tavole di fasciame affioranti tra le pietre di zavorra, induce la Soprintendenza ad avviare ulteriori indagini subacquee per stabilirne la consistenza.

Il subacqueo, a seguito dell’individuazione di un ammasso di pietre,diverse concrezioni metalliche e alcuni elementi lignei affioranti, aveva tempestivamente avvertito l’archeologo della Soprintendenza del Mare,
Fabrizio Sgroi e il nucleo navale della Guardia di Finanza di Pozzallo.

“La stagione estiva – evidenzia l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – aumenta il numero delle segnalazioni di reperti archeologici marini pervenute alla
Soprintendenza del Mare e arricchisce di nuovi elementi il patrimonio culturale della Regione. É importante ricordare a tutti quegli amatori che durante un’immersione dovessero imbattersi in un ritrovamento che, come previsto dalla normativa, chiunque rinvenga un Bene culturale sott’acqua, è obbligato a darne tempestiva comunicazione all’autorità: alla
Soprintendenza del Mare o alle forze dell’ordine o al Sindaco del Comune
di pertinenza, entro le 24 ore”.

Rispondi