Oggi è un giorno triste per Catania, che piange uno dei suoi figli più amati.

Ci lascia Antonino Caponnetto, meglio noto come Brigantony.

Malato da tempo e ricoverato da qualche giorno nel reparto di rianimazione, si spegne a 74 anni una delle voci più riconoscibili, rappresentative e autentiche della nostra città.

Cantautore poliedrico, capace di spaziare fra generi diversi, è stato un Maestro indiscusso di liscía catanese, miscelando parole e musica in un distillato di pura genialità e succoso divertimento.

Giullare del popolo, totem di comicità, pioniere e punto di riferimento per tutti parodisti venuti dopo, ha cresciuto intere generazioni con le sue canzoni, elevando ad arte lo sberleffo irriverente e la parlata vastasa.

Addio Maestro. Unico, irripetibile ed inimitabile.

Ti ricorderemo sempre col sorriso ascoltando i tuoi successi che resteranno eterni, come il tuo spirito nei nostri cuori.

Intanto ti immaginiamo felice e sereno lassù, in Paradiso, a giocare coi doppi sensi e cantare stornelli goliardici agli angeli, mentre insegni loro a “stuppare” una Fanta.

Rispondi