Ad Agrigento il titolare del “Maddalusa Lounge Beach” ha pagato una cauzione di 2mila euro alla Cassa delle ammende ed ha assunto l’impegno, autorizzato dalla Procura di Agrigento, a rimuovere alcuni beni abusivi già oggetto di sequestro, tra banconi, erba sintetica, pedane, bancone bar, vetrine frigo, lavabi, piani di lavoro, pedane di legno per l’accesso al mare, scale di legno per accedere all’arenile, e rimorchio per somministrare alimenti. Se tali lavori saranno eseguiti sarà restituita la cauzione di 2mila euro. Altrimenti saranno ricollocati i sigilli. Nel frattempo proseguono gli accertamenti tecnici sugli altri restanti beni oggetto di sequestro.

Rispondi