Banco alimentare comunale pozzallo

Con grandissima gioia vi comunico che finalmente l’associazione La Stele di Rosetta – autismi e altre meraviglie che gestisce il CIRCUITO SOLIDALE E DEL RICICLO POZZALLO a far data dal 6 dicembre è ufficialmente autorizzata ad avviare le attività di volontariato con lo strumento del BANCO ALIMENTARE COMUNALE.
Il Comune di Pozzallo sposando questa necessaria iniziativa sociale mette in atto quanto previsto dallo statuto comunale favorendo “forme concrete di solidarietà sociale, privilegiando i più deboli ed escludendo qualsiasi forma di discriminazione”.
Il progetto dell’associazione La Stele di Rosetta, denominato L’INCIAMPO avrà una durata di circa 4 mesi (febbraio 2023).
Il progetto è totalmente a titolo gratuito e di volontariato.
La firma dell’accordo per la concessione amministrativa del locale comunale sito in al piano terra di via Bellini n.8 ci consentirà di poter siglare convenzioni con supermercati e attività commerciali che generosamente e gratuitamente potranno riservare al Circuito Solidale di Pozzallo, generi alimentari da immagazzinare e successivamente distribuire alle famiglie pozzallesi in difficoltà.
CHIUNQUE PUO’ DARE IL SUO CONTRIBUTO.
Non avevamo mai avuto, prima di adesso, una struttura che fisicamente potesse fare da punto di raccolta.
Dal 16 aprile del 2017 tramite la nascita del Circuito solidale e del riciclo abbiamo gestito gli aiuti alle famiglie utilizzando sempre e soltanto le residenze private dei membri del circuito che in maniera altruistica si sono attivati per raccogliere generi alimentari necessari aiutando così centinaia di famiglie del ragusano e del siracusano.
L’opportunità che è stata concessa alla nostra associazione da parte del Sindaco e dell’Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Pozzallo, a costo zero per l’ente pubblico, è un’azione di civiltà da lungo tempo attesa e che adesso chiama all’appello tutta la città.
Non abbiamo nessun canale di rifornimento ufficiale se non quello della solidarietà, del buon cuore dei pozzallesi e di chiunque volesse dare il proprio contributo donando alimenti per l’infanzia, generi alimentari di prima necessità e farmaci da banco, non solo ad uso pediatrico.
La nostra gratitudine va alla dott.ssa Natalia Carpanzano per aver spinto il progetto e aver fornito i contatti necessari, come quello del Centro del Riuso Mecca Melchita Ragusa, che nella fase iniziale del nostro progetto ha consegnato una corposa “prima fornitura” già rapidamente distribuita.
Un battesimo del BANCO ALIMENTARE che ci ha dato il coraggio e la voglia di proseguire ed investire tutte le nostre energie per aiutare chi è in difficoltà, chi è “inciampato” e ha bisogno di un sostegno per rialzarsi.
Un inciampo è per noi la perdita del lavoro, una malattia invalidante, una separazione tra coniugi e qualunque “amarezza” della vita che spesso costringe persone sole, madri e padri, a ristrettezze economiche, a non potere cioè garantire una qualità dignitosa della vita per sè stessi, per i propri cari, per i figli, per i bambini che sono stati considerati nel circuito solidale, da sempre, i figli di tutti perchè per crescere un bambino occorre un intero villaggio e noi dobbiamo essere all’altezza di essere “villaggio”.
La collaborazione con i Servizi Sociali comunali è il fulcro di questo importante e dignitoso progetto civile infatti ai fini dell’assegnazione degli aiuti alimentari, le famiglie potranno contattare l’ufficio referente il lunedì ed il mercoledì dalle ore 09:00 alle ore 12:00 presentando copia dell’ISEE in corso di validità ed una copia del documento d’identità del capofamiglia. (dott.ssa Cannatella).
Da subito partirà l’iniziativa A NATALE FATE I BUONI che proseguirà anche dopo il periodo natalizio come linea da attuare in via definitiva per tutto il periodo in cui saremo “ospiti” del Comune di Pozzallo.
La stanza a nostra disposizione è di piccole dimensioni e quindi non sarà possibile immagazzinare grosse quantità di prodotti per questo abbiamo pensato di spingere sull’ottenimento di buoni spesa da consegnare direttamente alle famiglie.
Pertanto chi vorrà, potrà attivarsi acquistando dei buoni spesa, anche di soli 5 euro, presso ogni supermercato, macelleria, pescheria, farmacia o parafarmacia, caseifici, rivenditori di frutta e ortaggi, panifici, ecc…
Per dare il proprio contributo, contattare Emanuela Russo ai seguenti recapiti 3388865399 – autismoragusa@gmail.com

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: