La guerra del caro voli, la Regione contro Ita “Non è normale”, Schifani costretto a tornare in nave da Roma

Un esposto all’antitrust, una iniziativa parlamentare e la denuncia pubblica non solo dei prezzi inaccessibili dei voli da e per la Sicilia ma anche l’insufficienza dei collegamenti messi a disposizione.

Mercoledì prossimo dovrò rientrare in serata a Palermo da Roma ma non ci sono più posti in aereo a causa della esiguità dei voli messi a disposizione da Ita. Rientrerò, quindi, da Napoli con la nave. E, come me, sono tanti i siciliani che si troveranno in questa stessa situazione. Mi chiedo: tutto ciò può essere considerato normale in un Paese come il nostro?” denuncia il presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani.

Si tratta del secondo capitolo in poche ore di questa vicenda. Il Presidente della Regione ieri aveva già annunciato l’intenzione di denunciare all’Antitrust il “cartello” tra Ita e Ryanair sulla rotta Palermo-Roma in quanto unici vettori ad operare su quel percorso.Il caro voli da e per la Sicilia finisce, dunque sui tavoli dell’anticorruzione italiana. La Sicilia è pronta a presentare un esposto contro l’ipotesi di un ‘cartello’ fra le compagnie aeree che volano sugli aeroporti siciliani teso ad alzare i prezzi a dismisura nel periodo delle feste ma non soltanto.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: