I poliziotti della Squadra Mobile di Agrigento hanno arrestato cinque tunisini che, nonostante siano gravati dal decreto di respingimento, sono rientrati in Italia tramite la frontiera di Lampedusa prima che fossero trascorsi i 3 anni previsti dalla loro espulsione. I cinque, su disposizione del pubblico ministero di turno di Agrigento, sono stati posti agli arresti domiciliari nel Centro d’accoglienza in contrada “Imbriacola”, in attesa dell’udienza di convalida.

Rispondi