Emergenza Rotoli, bare a terra senza alcuna copertura, Comune smentisce indagine

Una quindicina di casse zincate lasciate all’aperto e al centro dello spiazzale dell’ex vivaio del cimitero dei Rotoli per terra e con le lastre di zinco aperte. Questo è quanto si è trovato ad osservare chi ha visitato l’area del camposanto intorno alle 13.30 di sabato 11 febbraio. Episodio che conferma, laddove ce ne fosse bisogno, le difficoltà vissute dalla struttura di lungomare Cristoforo Colombo. Un’emergenza che va avanti ormai da oltre tre anni e per la quale il Comune di Palermo ha chiesto ed ottenuto il commissariamento.

Una situazione difficile, quella del cimitero dei Rotoli, nella quale si contano circa 1150 salme in attesa di una degna sepoltura. Un numero enorme, con tempi di attesa anche di due anni, e che ha portato gli ex vertici del camposanto a destinare aree amministrative a deposito. Perfino la piccola cappella vicino all’ingresso principale è ormai stata assegnata a tale scopo. Non fa eccezione nemmeno l’area dell’ex vivaio, che si trova a pochi passi dagli uffici della Reset. Qui infatti i castelletti composti da ferri innocenti sono pieni in ogni ordine di posto.

blogsicilia