SICILIA; SENTENZA SPESE GRUPPI ARS: RUDY MAIRA, FINALMENTE SENTENZA CHE CANCELLA LETTERA SCARLATTA CHE MI SONO PORTATO ADDOSSO MA ERO CERTO DELL’ESITO FAVOREVOLE

 



L’ex deputato regionale Maira: assolto perché il fatto non sussiste non per prescrizione che invece riguarda solo cifra marginale di 2 mila euro 

PALERMO – “Finalmente una sentenza che entra nel merito e cancella quella lettera scarlatta che mi sono portato addosso quando ipocritamente si è parlato di “spese pazze” nei gruppi parlamentari dell’Assemblea regionale siciliana. Ero certo dell’esito favorevole nel giudizio di Appello poiché come giurista, prima ancora che come uomo politico, sapevo di avere agito secondo il principio di legalità sancito in Costituzione ed in linea con le norme vigenti durante i miei mandati. Avendo letto il dispositivo della sentenza voglio precisare che l’assoluzione è stata pronunciata perché il fatto non sussiste, e che solo per un importo di due mila euro, che non sono riuscito a ricostruire come spesa, è stata dichiarata la prescrizione”. Lo afferma Rudy Maira, ex deputato all’Assemblea regionale siciliana.