RICHIESTA DI AVVIO AZIONE LEGALE PER LA DIFESA DELL’IMMAGINE DI AGRIGENTO

RICHIESTA DI AVVIO AZIONE LEGALE PER LA DIFESA

DELL’IMMAGINE DI AGRIGENTO

 

 

In seguito alla trasmissione “Morning News” andata in onda su Canale 5 il 25 agosto 2023, l’Assessore alla Cultura e Turismo del Comune di Agrigento, Costantino Ciulla, ha chiesto al dirigente del settore legale del Comune di avviare l’iter per intraprendere un’azione legale significativa per difendere l’immagine e la reputazione della città.

Nel servizio trasmesso dalla suddetta trasmissione sono state diffuse informazioni erronee e distorte che ritraevano Agrigento e la Valle dei Templi come deturpate dalla presenza di impianti eolici. Questa rappresentazione inaccurata ha sollevato preoccupazioni sulla percezione della città e potenzialmente arrecato gravi danni al turismo e alla valorizzazione culturale, aspetti cruciali per il territorio agrigentino, soprattutto in funzione della designazione di Agrigento quale Capitale italiana della cultura nell’anno 2025.

L’Assessore ha annunciato l’intenzione di avviare un’azione legale per citazione in giudizio contro la trasmissione “Morning News” e l’emittente Canale 5, sottolineando la necessità di preservare l’onore e la reputazione di Agrigento. L’obiettivo principale di questa azione legale è promuovere la divulgazione di informazioni accurate e rappresentazioni veritiere nel contesto della promozione turistica e culturale.

Inoltre, l’Assessore ha invitato l’ufficio legale a richiedere una revisione immediata del servizio e delle informazioni errate diffuse oltre ad un atto formale di scuse pubbliche da parte della trasmissione.Questo passo è considerato essenziale per ristabilire la verità e rimediare al danno causato all’immagine della città.

A tal proposito ha dichiarato l’Assessore Ciulla: “La storia si ripete. Non è più possibile continuare a denigrare così la nostra Città e restare indifferenti favorendo il ripetersi di situazioni analoghe. Conosco, e tutti conosciamo, le ataviche criticità della nostra amata terra. Non possiamo però permetterci e più permettere a chicchessia di strumentalizzare e mistificare la realtà dei fatti. Ancor di più sono amareggiato per l’imbarazzante comportamento degli agrigentini presenti in trasmissione che non hanno speso una sola parola a difesa di quanto erroneamente presentato dal giornalista e mostrato nelleimmagini, che certamente sono state registrate con strumenti di altissima qualità e ottimi teleobiettivi, ma al contrario hanno continuato ad amplificare un fatto inesistente”.