Ha ucciso la madre: condanna definitiva in Cassazione

La Cassazione ha confermato, rendendola definitiva, la sentenza emessa lo scorso 26 maggio dalla Corte d’Assise d’Appello per i minorenni di Catania, che, condividendo quanto proposto dalla Procura, e negando il riconoscimento delle attenuanti invocate dalla difesa, ha confermato la condanna a 16 anni di carcere, per omicidio aggravato, al ragazzo di 15 anni che il 25 luglio del 2022 ha ucciso, e ammesso di avere ucciso, la madre, Valentina Giunta, 32 anni, accoltellata a morte nella sua abitazione a Catania nella zona del Castello Ursino. La famiglia della donna si è costituita come parte lesa, non ricorrendo la parte civile nei processi minorili. Lui, il figlio, appena dopo essere stato arrestato dalla Squadra Mobile, ha confessato l’assassinio e il movente. Lei avrebbe voluto allontanarlo dal padre detenuto in carcere anche per tentato omicidio. Nella misura cautelare a suo carico tra l’altro è stato scritto: “Il giovane negli ultimi mesi viveva con la nonna paterna essendosi determinato a lasciare la casa della madre nonostante la stessa madre avesse mantenuto un atteggiamento protettivo verso il figlio, a fronte delle ostilità alimentate dalla famiglia del padre, detenuto da tempo per gravi reati, anche contro la persona”.