Conte, il professore che non paga le tasse. Vengono fuori le cartelle di Equitalia. Di Maio smentisce !

A pochi minuti dalla convocazione di Giuseppe Conte al Quirinale, spuntano le prime indiscrezioni e i primi addebiti del professore che ha nei confronti di Equitalia. Cartelle non pagate per 50 mila euro a cui il quotidiano Libero pubblica dettagliatamente i conti che hanno portato all’ipoteca sulla sua casa romana. La probabile ascesa in politica rischia già di macchiare la figura di una persona che è stata avallata da Salvini e Di Maio , Ma le carte pubblicate da Libero raccontano un’altra storia: mancati versamenti di contributi previdenziali per oltre 8 mila euro, oltre mille euro di contravvenzioni non pagate al Comune di Roma, mancati versamenti Irpef, Irap, Iva e addizionali per 18 mila euro, il tutto in un arco di tempo che va dal 1997 al 2008.
Arriva la sconfessione di Di Maio che afferma – “Quella dell’evasione fiscale è una balla ancora più grossa visto che il suo commercialista ha già mostrato al visura di Equitalia che dimostra come Conte abbia saldato tutto già 10 anni fa quando si accorse dell’ammanco risultante per una mancata consegna del plico da parte delle poste. Ora credetemi, in cuor mio avrei preferito che fosse tutto vero, avrei preferito poter dire che Conte sia come tutti gli altri, un ignorante, un impostore, un delinquente, un frodatore dello Stato. Perché non esserlo in Italia è quasi un’anomalia da colpire e correggere prima che dia il buon esempio, prima che chi ha leccato il deretano dei potenti di turno per 30 anni non sappia più che mestiere fare” .
Ora si attende l’esito dell’incontro del capo dello Stato con Giuseppe Conte e da qui valutare la fattibilità e la trasparenza che si possa avere per entrare a far parte del governo, in un mondo a cui tutto gira e tutto viene preso a volte con troppa foga, invidia e realtà dei fatti e su questo solo il tempo potrà stabilire se i fatti sono reali e/o la persona i immune da colpe già addossate prima di entrare in campo !

Antonio David – ForestaliNews

Rispondi