La Procura di Palermo, diretta da Francesco Lo Voi, ha iscritto tre persone nel registro degli indagati dopo le minacce e gli insulti comparsi sui social nei confronti del Capo dello Stato, Sergio Mattarella. Si tratta di Manlio Cassarà, Michele Calabrese ed Eolisa Zanrosso. Sono indagati di attentato alla libertà del presidente della Repubblica e offesa all’onore e al prestigio del presidente della Repubblica. Si tratta di reati puniti fino a 15 anni di reclusione. La Digos ha identificato gli autori dei post ingiuriosi. Decine di altre frasi minacciose apparse ancora sui social sono al vaglio dei magistrati.

Rispondi