Si rilegga “Sulla questione ebraica” di Carlo Marx. I rom, come gli ebrei, devono avere eguali diritti ed eguali doveri. Non possono essere trattati altrimenti, e dunque non possono avere né riduzioni di diritti né privilegi.


“In fondo all’Io c’è un Noi; che è la comunità a cui egli appartiene, e che è la base della sua spirituale esistenza, e parla per sua bocca, sente col suo cuore, pensa col suo cervello”. (G. GENTILE, Genesi e struttura della società)
fonte diegofuaro.com

Rispondi