A Palermo al palazzo di giustizia il Tribunale ha inflitto 25 condanne nell’ambito di un’inchiesta sulla presunta truffa da parte di alcuni gestori di distributori di carburante palermitani che sarebbero stati “taroccati”. Le indagini della Guardia di Finanza hanno svelato le attività di una presunta banda, composta da diversi gestori di pompe di benzina e da dipendenti delle società di manutenzione incaricate dalle compagnie petrolifere di verifiche anti frode. La pena più severa, 5 anni e 10 mesi di carcere, è stata inflitta a Nicolò Bargione, Sono stati invece assolti Fabio Albano, Luciano Composto, Pietro D’Angelo, Vincenzo Di Stefano, Giuseppe Dieli, Erasmo Drago, Giuseppe Matranga, Davide Montagna, Giovanni Razete, Andrea Virzì e Giovanna Zampardi.

Rispondi