L’ideologia mondialista gender mira alla creazione e all’esportazione di un nuovo modello antropologico,  pienamente funzionale al capitalismo dilagante: l’individuo senza identità, isolato, infinitamente manipolabile, senza spessore culturale, puro prodotto delle strategie della manipolazione. L’uomo non esiste, dice l’ideologia gender: è ciò che di volta in volta viene creato dal consumo, aggiungiamo noi. Ecco perché l’ideologia gender è al servizio dell’economia di mercato.


“Io non voglio fare né il martire né l’eroe. Credo di essere semplicemente un uomo medio, che ha le sue convinzioni profonde, e che non le baratta per niente al mondo”. (A. Gramsci, lettera al fratello Carlo, 12 settembre 1928)
fonte diegofusaro.com

Rispondi