Agghindati in rosso, gridarono all’unisono “porti aperti”. Forse senza saperlo, stavano citando proprio lui, l’uomo dei mercati, il turbocapitalista apolide: George Soros.

Fonte diegofusaro.com

Rispondi