“Miss Universo, una donna transgender in concorso” (Corriere della Sera). Procede l’opera di manipolazione di massa funzionale alla neoingegneria biopolitica e alla creazione del nuovo individuo unisex e post-identitario, mera appendice dei processi del consumo globale.


“Nulla di troppo: tutto è bello se al punto giusto”. (Chilone di Sparta)
fonte diegofusaro.com

Rispondi