(ANSA) – PALERMO, 23 LUG – Per anni nella discarica di Camastra (Ag) gestita dalla società A&G Ambiente sarebbe finito di tutto. La Dda di Palermo ha notificato l’avviso di conclusione indagini a 50 tra persone fisiche e società che avrebbero fatto lievitare il fatturato della srl che gestiva la discarica. L’indagine della Polizia tributaria di Agrigento è coordinato dall’aggiunto Marzia Sabella e dai pm Gery Ferrara e Francesco Gualtieri. Sequestrati beni per oltre 2 milioni.
L’avviso riguarda oltre ai vertici della A&G Ambiente Donato D’Angelo, Salvatore Alaimo, Calogero Alaimo, Alfonso Bruno e Pasquale Di Silvestro, i titolari delle ditte locali come i Cultrera, Marco Campione, ex rappresentante della Girgenti Acque, i vertici della impresa catanese Isea e una serie di società nazionali come Fincantieri, Raffineria di Gela e Rete ferroviaria italiana che scaricavano nel sito attraverso alcune ditte siciliane, pure finite sotto inchiesta. Tra gli indagati, anche un ex dipendente della Provincia di Agrigento, Gelando Piparo.

 

fonte ansa.it

Rispondi