Cinque dipendenti del Comune di Misilmeri coinvolti nella indagine sui furbetti del cartellino sono stati licenziati dall’amministrazione comunale. Lo scorso 25 giugno era scattata per alcuni di loro la sospensione dal lavoro disposta dal gip di Termini Imerese. Nell’indagine sull’assenteismo dall’ufficio anagrafe sono coinvolti in dieci accusati di truffa. Dalle indagini condotte dai carabinieri era emersa una complicità tra i dipendenti che timbravano più badge per consentire ai colleghi di lasciare anche di due ore prima il posto di lavoro.

fonte ansa.it

Rispondi