Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Ragusa ha archiviato il fascicolo di indagine a carico di Andrea Stival, il nonno paterno di Loris che la madre del bambino, Veronica Panarello, ha accusato di avere ucciso lui Loris perché il piccolo avrebbe minacciato di rivelare al padre una loro presunta relazione. Per l’omicidio di Loris, 8 anni di età, assassinato a Santa Croce Camerina il 29 novembre 2014, e l’occultamento del suo cadavere, la madre è stata condannata a 30anni in due gradi di giudizio: dal Tribunale di Ragusa e poi dalla Corte d’Appello di Catania. Andrea Stival commenta: “Questa archiviazione è stata tardiva e non è di sicuro una vittoria, perché la mia vita e quella della mia compagna sono state distrutte per sempre dalle calunnie di Veronica Panarello. Oltre al dolore immenso per la morte di mio nipote, oltre alla sofferenza nel vedere mio figlio Davide patire un tormento grandissimo, mi sono ritrovato a dovermi difendere da accuse infamanti e senza fondamento”.

Rispondi