Una forte ondata di maltempo sta colpendo l’Italia, con allerta gialla su gran parte del Paese mentre è già scattata l’allerta arancione in Friuli Venezia Giulia, in Lombardia, Toscana e Emilia-Romagna.

Maltempo: rientrata esondazione del Seveso – “Esondazione rientrata poco prima delle 21. In tutto è durata circa 25 minuti”. Ne dà notizia l’Assessore alla Mobilità e all’Ambiente del Comune di Milano Marco Granelli, spiegando su facebook che al momento è allagata solo la corsia centrale di viale Fulvio Testi in direzione della periferia e la corsia laterale in direzione del centro. “Fortunatamente la durata breve ha limitato molto i disagi” commenta Granelli. Il maltempo ha causato disagi in varie zone di Milano, dove i vigili del fuoco stanno intervenendo per alcuni allagamenti in cantine e box dovute al forte temporale che si è scatenato in città intorno alle 20.

Disagi alla circolazione dei treni a Trieste – Ritardi fino a 60 minuti negli arrivi e nelle partenze dei treni si stanno registrando alla Stazione centrale di Trieste a causa del maltempo. Alcuni treni in partenza sono stati cancellati. Dalle 20.30 – informa Rfi – a seguito di scariche atmosferiche si sono verificati un guasto al distanziamento dei treni tra il Bivio di Aurisina (Trieste) e Trieste Centrale e un guasto ai segnali nella stazione di Trieste Centrale. Diversi i passeggeri in attesa ai binari.

Nubifragio su Genova, Polcevera non spaventa – Come annunciato dall’allerta gialla, un violento temporale si è abbattuto su Genova in serata. Per circa un’ora la città è stata interessata da un vero nubifragio, ma nessuna criticità è stata registrata nella zona del cantiere per la rimozione delle macerie di ponte Morandi. Nel torrente Polcevera, dove la maggior parte dei detriti del viadotto sono caduti il 14 agosto, il livello dell’acqua si è alzato dopo essere rimasto in secca per tutto il giorno. “Ci sono 10 centimetri d’acqua – dice Sergio Gambino, consigliere comunale con delega alla Protezione civile – non c’è problema”, dice. Il moncone est di ponte Morandi, quello più a rischio perchè la carreggiata rimasta è sospesa e sorretta sono dagli stralli, è stata battuta dal vento, ma i georadar non hanno registrato allarmi. “Sono caduti in 30 minuti 60 millimetri d’acqua”, dice Gambino. “Ci sono stati allagamenti diffusi, soprattutto nei sottopassi, il livello dei piccoli rivi si è rapidamente innalzato e repentinamente abbassato senza creare problemi”

Fonte ansa

Rispondi