Anche ad Agrigento da parte del sindaco Firetto è stata effettuata una trascrizione all’anagrafe che contravviene apertamente alla attuale legislazione del nostro paese in materia di adozione; le trascrizioni di figli di coppie omosex inoltre si configurano generalmente anche come una sanatoria della pratica illegale effettuata all’estero dell’utero in affitto.
Consideriamo inaccettabile il perpetrarsi in molti comuni d’Italia di queste prevaricazioni da parte dei sindaci sul potere legislativo del Parlamento italiano, che oltre ad essere un organo dello stato è espressione democratica del popolo italiano.
Il coordinatore nazionale Nicola di Matteo auspica pertanto che il governo garantisca che le amministrazioni locali esercitino le proprie funzioni nei limiti di ciò che è di loro competenza, astenendosi da scelte arbitrarie e da improbabili ed acrobatiche estensioni nella applicazione della legge.

Rispondi