La truffa della raccolta differenziata nell’agrigentino. I soliti noti fanno soldi a palate, un business da 16 milioni di euro l’anno, in 9 comuni, che paghiamo con le bollette sui rifiuti che sono le più care d’Italia. Hanno finito di stra guadagnare con la discarica di Siculiana-Montallegro ed adesso si sono riciclati con ECOFACE, una società di Campobello che ha fatto incetta di convenzioni con i comuni, rivendendosi i nostri rifiuti differenziati, mentre ai cittadini non garantiscono alcun ritorno economico.
A COSA SERVE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA? A FAR CONTINUARE AD ARRICCHIRE I SOLITI NOTI…

VIDEO SU QUESTA SCANDALOSA GESTIONE:

Abbiamo inoltre pubblicato  l’articolo del giornalista Gioaccino Schicchi relativo alla scellerata gestione dei rifiuti nell’agrigentino. Dalla discarica dei fratelli Catanzaro di Siculiana siamo passati alla piattaforma per la raccolta differenziata dei fratelli La Rocca che poi sono la stessa ‘cosa’… . Dalla padella alla brace!

Prima i Catanzaro, non sappiamo se in modo legittimo, visto che nessuno in 10 anni  ha mai controllato, hanno utilizzato la loro mega-bomba ecologica di Siculiana-Montallegro, facendoci pagare 156 euro a tonnellata, per sotterrare i rifiuti in maniera indifferenziata. Adesso la società ECOFACE, con sede a Campobello, dei fratelli La Rocca, ci fa pagare 255 euro a tonnellata! Costi in più che  graveranno sulle prossime bollette dei rifiuti. A che serve allora la raccolta differenziata? A fare arricchire sempre la stessa cordata! Infatti i fratelli La Rocca, uno dei quali è presidente dei Giovani Industriali di Agrigento, operano assieme ai Catanzaro che, da sempre, hanno sotterrato i rifiuti di mezza Sicilia, senza avere degli impianti a norma di legge. Adesso per la Catanzaro Costruzioni s.r.l.  mala tempora currunt ! L’ex presidente di Confindustria Sicilia, nonché gestore, fino al 2017, della mega discarica di famiglia, che ha fatturato svariate centinaia di milioni di euro, è indagato presso la Procura della Repubblica di Caltanissetta per associazione a delinquere, corruzione ed altro, assieme al suo predecessore alla presidenza di Sicindustria, Antonello Montante, che attualmente è in carcere. Probabilmente i Catanzaro, dopo che il Ministero dell’Ambiente gli ha fatto chiudere il loro mega immondezzaio, si sono riconvertiti, o per meglio dire, visto che parliamo di rifiuti, si sono ‘riciclati’ tra Campobello e Ravanusa, attraverso i fratelli La Rocca …

Lo smart working, tradotto in italiano con il termine lavoro agile, nelle ultime settimane è diventata una parola molto utilizzata. 
La domanda che tanti utenti si pongono è: lo smart working farà aumentare la bolletta? Quanto costa in più utilizzare PC, Wifi? 
La risposta fortunatamente è positiva: per tutti coloro già dotati di router, la bolletta aumenterà di soli pochi euro!
Altre buone notizie: l’Autorità dell’Energia, ARERA, ha comunicato che per questo trimestre sono previsti cali nelle bollette di tutti gli italiani, dovuti all’emergenza.

Rispondi