Video

 

INFORMAZIONE CRIMINALE MAINSTREAM – Fase 1 – Il servo di regime Gramellini cerca subito di screditare il personaggio e associare Fusaro e il sovranismo alle fakenews e al pettegolezzo pruriginoso di coppia. Vuole evitare a tutti costi che venga invitato per presentare un suo libro o esporre le sue idee come di solito viene consentito a tutti i ceffi di regime che vanno in TV, come quelli che sono presenti lì in studio quella sera. INFORMAZIONE CRIMINALE MAINSTREAM – Fase 2 – Impedire all’intervistato di esprimere concetti, interromperlo in continuazione, deriderlo con battute e frasi sprezzanti. Inizia il servo di regime Mentana, che bacchetta e dà del tu a Fusaro come un professorino con l’alunno, facendo l’esempio di Colin Powell, quando basta vedere i giornali e le tv di allora per constatare che erano i giornalisti a propagare con convinzione e zelo criminali le menzogne sulle armi chimiche. INFORMAZIONE CRIMINALE MAINSTREAM – Fase 3 – Togliere la parola all’intervistato con la scusa del collegamento interrotto o perché il tempo è finito. Ma vediamo con calma quello che è veramente successo. Attenzione! Tra poco si sentirà chiaramente la limpida sfumatura dell’audio fatta dalla regia, che non ha nulla a che fare con una interruzione del collegamento che è sempre brusca e con rumori di fondo. Che tutto sia stato preparato in maniera maldestra si capisce dal fatto che un decimo di secondo dopo la sfumatura dell’audio, il ceffo Gramellini dice “La ringrazio”, senza provare a chiamarlo, aggiungendo subito “è caduto Skype” quando ancora il video è perfetto. Rivediamo: Lo sbigottimento di Mentana, servo sì, ma più intelligente e raffinato, che mai farebbe una censura così pacchiana, dimostra ancor di più che la regia e Gramellini hanno sfumato e interrotto Fusaro di proposito. Vediamo: Chi censura con tale arroganza e senso di impunità deve pagare caro: – chiudere la trasmissione “Le parole della settimana” – rompere contratto con Gramellini – licenziare chi ha dato ordine di sfumare audio – fare tabula rasa in Rai, soprattutto Rai 3

Rispondi