La prima sezione della Corte d’Appello di Palermo, presieduta da Gianfranco Garofalo, ha assolto Anna Rosa Corsello, dirigente alla Regione, imputata di peculato. La Corsello, già a capo del Dipartimento Lavoro, in primo grado è stata condannata a 2 anni e 6 mesi di carcere dal Tribunale di Palermo allorchè avrebbe viaggiato con l’auto blu per recarsi in ufficio da Cefalù a Palermo. I giudici di secondo grado hanno emessa sentenza di assoluzione “perché il fatto non costituisce reato”. Contestualmente al verdetto d’appello è stata annullata anche la misura dell’interdizione dagli uffici pubblici per due anni.

Rispondi