Su disposizione del questore di Agrigento, Rosa Maria Iraci, è stata chiusa un’impresa a Licata, a seguito dell’arresto del titolare per associazione mafiosa, lo scorso 19 giugno, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Palermo. La Questura ha notificato un provvedimento di sospensione a tempo indeterminato, con conseguente cessazione della relativa attività di distribuzione e gestione di apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici da trattenimento e da gioco di abilità. In ragione della gravità dei reati contestati, la Questura ha ritenuto che l’uomo potesse abusare della licenza concessa per l’attività gestita.

Rispondi