5.07.2019

Come ogni venerdì mattina vado nella pescheria dove, solitamente, mi piace comprare del pesce fresco. Trovo difficoltà a trovare parcheggio, giro, giro e rigiro e per fortuna ne trovo uno proprio davanti la bottega di Francesco. Sono le 9.00 (36° gradi all’ombra) e ho soltanto 30 minuti per prendere il mio pesce e andare in ufficio per iniziare la mia giornata di lavoro.

«Buon giorno a tutti!». I presenti si girano e mi guardano come se avessi detto qualcosa di sbagliato.

Sì, ho subito intuito il perché: c’è da aspettare, forse più dei 30 minuti che ho a disposizione. Così mi invento qualcosa per far passare il tempo più velocemente, ritorno in macchina e prendo una copia dell’ultimo libro che sta per uscire per la nostra casa editrice, un gioiello. Ed eccomi di nuovo in fila, ma questa volta concentrato su quelle pagine che sanno di mare. Mentre leggo, con la coda dell’occhio noto che qualcuno mi osserva come a voler dire: «Ma che “cavolo” stai combinando alle 9.00 di mattina dentro una pescheria con un libro in mano?». Mi volto di scatto, sì è proprio lui, e mi guarda con lo sguardo di chi ha perso ogni speranza, ci fissiamo per alcuni secondi. “Sciac… Ziac…Ttuuu” il rumore di chi infilza una lama di 25 cm e inizia a sbattere quel coltello fino a fare dei tranci, di un rosso brillante e di una morbidezza insolita. «…Ma cchi libru sta liggennu?» ehmmm… stringo forte il libro a me, come quando un bambino tiene stretto il suo giocattolo per non farselo fregare. Involontariamente, mostro la parte superiore della copertina, ma con le mie dita nascondo il titolo.

«Gioacchino, Gioacchino ù raìs da Tonnara di Favignana», così Francesco ha scoperto cosa stessi leggendo.

La gente in fila inizia a bisbigliare: avverto quella sensazione di chi per la prima volta può sentirsi veramente orgoglioso. Per “azzittire” tutti quanti grido forte: «Esce oggi, 5 luglio, in tutte le librerie “L’ultimo rais di Favignana, Aiace alla spiaggia” scritto da un toscano, fiorentino, Massimiliano Scudeletti… racconta liberamente la vita di Gioacchino Cataldo, rais della tonnara di Favignana, il gigante del mare!».

Tutti mi guardano, ma questa volta come se avessi detto qualcosa di bello, di sorprendente, di magico…

Esco dalla pescheria con la mia busta piena di tonno, molto tempo prima del previsto, soltanto dopo 10 minuti, inspiegabile! Forse sarà Gioacchino che da lassù riesce…

Ritorno in macchina, orgoglioso e soddisfatto dell’ultima creatura della casa editrice. Ma non ho più con me la copia, che fino a un attimo prima tenevo stretta.

Autore: Massimiliano Scudeletti

Acquista il libro: https://bit.ly/2YANJFp

Buona lettura!

#GioacchinoCataldo #intuttelelibrerie

Rispondi