Il giudice monocratico del tribunale di Agrigento, Antonio Genna, ha inflitto la condanna a 1 mese di reclusione, per il reato di minaccia, a Gerlando Sollano, 84 anni, di Agrigento. L’imputato, nonostante fosse ai domiciliari per scontare una condanna per omicidio, si sarebbe allontanato dalla propria abitazione per aggredire il nipote a causa di alcuni dissidi familiari. E lo avrebbe minacciato con una spranga. Sollano, difeso dall’avvocato Gianfranco Pilato, è stato invece assolto dalle accuse di evasione dai domiciliari e porto ingiustificato di arma bianca.

Rispondi