Regge dinanzi al Tribunale del Riesame l’ipotesi accusatoria alla base dell’operazione “Mosaico”. Il Tribunale del Riesame di Palermo ha confermato le ordinanze di custodia cautelare nei confronti di Calogero Bellavia, Michelangelo Bellavia e Gerlando Russotto sebbene per quest’ultimo abbia annullato alcune contestazioni in riferimento alle accuse di armi e ricettazione (per lo stesso fatto è in atto un procedimento ad Agrigento) ed escludendo il 416 bis per alcuni episodi di cessione di sostanza stupefacente.
I due Bellavia e Russotto sono stati arrestati nelle scorse settimane dalla Squadra Mobile di Agrigento, guidata dal vicequestore aggiunto Giovanni Minardi, nell’ambito dell’inchiesta che ha fatto luce sulla faida Favara-Liegi caratterizzata da una lunga scia di sangue tra omicidi compiuti e tentati. I tre sono difesi dagli avvocati Salvatore Pennica, Salvatore Cusumano e Giuseppe Barba.

Rispondi