Si erano spacciati per altri, fornendo false generalità. Cinque i tunisini arrestati dalla Squadra Mobile di Agrigento. Le persone fermate sono sbarcati nei giorni scorsi a Lampedusa. I tunisini, secondo quanto emerso, sono stati fermati per “reingresso nel territorio nazionale italiano e nell’area Schengen, per espiazione di pena residua e per il reato di favoreggiamento all’immigrazione clandestina, per aver fornito false generalità a seguito dello sbarco a Lampedusa e per i reati di violazione di domicilio, danneggiamento, inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità, violenza o minaccia a pubblico ufficiale , resistenza a pubblico e lesioni personali”. I migranti sono stati accompagnati nella casa circondariale di Agrigento.

Rispondi