“I pazienti non possono essere trattati come pacchi postali ed essere trasferiti da un ospedale all’altro”. Lo sostiene il Vice Presidente della Commissione Sanità all’ARS Carmelo Pullara.
“Quattro dei pazienti Covid provenienti dalle Rsa di Sambuca di Sicilia e che erano ricoverati presso l’ospedale di Agrigento -dichiara Pullara- sono stati trasferiti nel reparto di medicina interna dell’ospedale Giovanni Paolo II di Sciacca. Cosi’ va di male in peggio .Rimango sbigottito e incredulo di fronte a queste notizie .E’ assurdo che i pazienti vengano trattati come pacchi postali e trasferiti da un ospedale all’altro .Tra l’altro -aggiunge Pullara- presso il reparto di Terapia intensiva a Sciacca si trovano ricoverati altri tre pazienti risultati positivi al Covid e che non necessitano di cure intensive e nel presidio ospedaliero di Sciacca si trovano anche altri casi che sono in attesa di effettuare il tampone. Bisogna fare delle scelte secondo protocolli.
La pezza-conclude Pullara- è peggiore del buco e certamente la responsabilità non è di chi è in prima linea come la Direzione Aziendale dell’Asp, infatti ieri non ho compreso il perché dell’intervento del Commissario Zappia, o gli operatori, ma di una programmazione regionale di governo che con pochi pazienti ovviamente ha retto ma sotto stress evidenzia criticità e ritardi.”

Rispondi