Italcementi ha comunicato che da lunedì prossimo lo stabilimento di Porto Empedocle chiuderà i battenti. I 28 lavoratori “sopravvissuti” alla precedente sfoltita del personale decisa anni fa dal colosso italotedesco verranno dislocati in altri impianti del nord Italia o mandati in anticipo in pensione, se in possesso dei requisiti. Una notizia drammatica comunicata ieri i sindacati, con un’accelerazione che lascia sgomenti. Da alcuni anni l’impianto empedoclino funzionava come punto di macinazione, dopo decenni di produzione a pieno ritmo, con centinaia di lavoratori impegnati compreso l’indotto.

Rispondi