Il primo ottobre del 2019 la Procura della Repubblica di Palermo ha invocato il processo a carico di 64 imputati nell’ambito della maxi inchiesta antimafia, sostenuta dalle indagini dei Carabinieri e della Squadra Mobile, cosiddetta “Cupola 2.0”, così battezzata in riferimento al tentativo di ricostituzione della Cupola di Cosa Nostra dopo la morte di Bernardo Provenzano e di Salvatore Riina. A capo della nuova Cupola vi sarebbe stato Settimo Mineo, storico gioielliere, della famiglia Pagliarelli. Sono stati il procuratore aggiunto Salvatore De Luca e i sostituti Bruno Brucoli, Francesca Mazzocco e Dario Scaletta a firmare le 64 richieste di rinvio a giudizio. Poi in 56 sono stati rinviati a giudizio. Ebbene, adesso, il giudice per le udienze preliminari, Rosario Di Gioia, ha emesso la sentenza in abbreviato. 46 condannati, per oltre 400 anni di carcere, e 9 assolti.
Ecco tutte le condanne e le assoluzioni: Filippo Cusimano 9 anni e 4 mesi, Stefano Albanese 9 anni e 2 mesi, Filippo Annatelli 13 anni e 4 mesi, Gioacchino Badagliacca assolto, Filippo Salvatore Bisconti 6 anni grazie all’attenuante prevista per i collaboratori di giustizia, Giuseppe Bonanno 5 anni e 8 mesi, Carmelo Cacocciola 7 anni, Giovanni Cancemi 8 anni, Francesco Caponetto 13 anni e 4 mesi, Francesco Colletti 6 anni e 6 mesi, anche lui grazie all’attenuante prevista per i collaboratori di giustizia, Giovanna Comito 1 anno e 8 mesi, Giuseppe Costa 9 anni, Filippo Cusimano 9 anni e 4 mesi, Maurizio Crinò 10 anni, Rubens D’Agostino 10 anni, Gregorio Di Giovanni 15 anni e 4 mesi, Filippo Di Pisa 8 anni e 8 mesi, Andrea Ferrante 8 anni, Salvatore Ferrante 2 anni e 8 mesi, Calogero Lo Piccolo 27 anni in continuazione con una precedente condanna, Vincenzo Ganci 8 anni e 8 mesi, Giusto Giordano assolto, Michele Grasso 8 anni e 8 mesi, Leandro Greco 12 anni, Marco La Rosa 6 anni e 8 mesi, Gaetano Leto 12 anni e 8 mesi,Erasmo Lo Bello 12 anni, Sergio Macaluso 2 anni con attenuante per i pentiti, Michele Madonia 8 anni e 8 mesi, Umberto Maiorana 1 anno e 8 mesi, Domenico Mammi 2 anni, ancora per l’attenuante riconosciuta ai collaboratori, Giusto Francesco Mangiapane 8 anni, Matteo Maniscalco 10 anni, Antonio Giovanni Maranto 2 anni, Luigi Marino 6 anni e 8 mesi, Fabio Messicati Vitale 12 anni, Giovanni Salvatore Migliore 8 anni e 8 mesi, Settimo Mineo 16 anni, Andrea Mirino assolto, Salvatore Mirino 9 anni e 4 mesi, Massimo Mulè assolto, Domenico Nocilla 9 anni e 8 mesi, Nicolò Orlando assolto, Salvatore Pispicia 12 anni, Gaspare Rizzuto 12 anni e 4 mesi, Michele Rubino 10 anni e 8 mesi, Giovanni Salerno 10 anni e sei mesi, Pietro Scafidi assolto, Salvatore Sciarabba 14 anni, Giuseppe Serio 13 anni e 4 mesi, Giovanni Sirchia 8 anni, Salvatore Sorrentino 12 anni e 8 mesi, Giusto Sucato assolto, Rosolino Mirabella assolto, Salvatore Troia 9 anni, Giacomo Alaimo assolto.

 

teleacras Ruoppolo

Rispondi