I Carabinieri del Ros e del Comando Provinciale di Trapani hanno sequestrato a fine di confisca beni per circa 5 milioni di euro all’imprenditore Fabrizio Vinci. Questo, già condannato il 9 aprile del 2020 dal Tribunale di Marsala a 12 anni di reclusione quale presunto “imprenditore mafioso” a disposizione dell’articolazione di “Cosa Nostra” trapanese operante nel territorio di Mazara del Vallo e Marsala, secondo le direttive del latitante Matteo Messina Denaro. Vinci avrebbe stabilmente reso le proprie imprese a disposizione degli esponenti della famiglia mafiosa di Marsala per favorirne l’infiltrazione nel settore dell’edilizia e del calcestruzzo. Ed avrebbe partecipato a riunioni per la spartizione dei lavori nel territorio di riferimento.

Rispondi