La formazione dei cittadini digitali, il ruolo del progetto Re-Educo.
Approfondimento a Digitale Italia

D’Amico – Aidr: l’associazione partner del progetto europeo per la
formazione degli studenti

Come colmare il divario esistente, in che modo la scuola può
contribuire al percorso di formazione dei nuovi cittadini digitali,
implementando le loro competenze? A Digitale Italia nuovo
approfondimento sui temi legati alla digitalizzazione con focus sulle
competenze digitali, attraverso l’esperienza del progetto Re-Educo
promosso dalla Commissione Europea e che in Italia è stato attuato
grazie alla sinergia tra il Centro ricerche DiTES della Link Campus
University e l’Associazione Aidr. Ospiti del format di Aidr, Stefania
Capogna, direttore Scientifico del Progetto Re-Educo e Davide D’Amico,
dirigente pubblico e consigliere Aidr. “Il progetto – ha sottolineato
nel suo intervento, il direttore Scientifico del Progetto Re-Educo
Stefania Capogna, ha riscontrato una grandissima partecipazione da
parte della scuola, con l’adesione di oltre seicento studenti. Il
valore aggiunto del percorso attuato sta nell’aver inserito le
attività di formazione sulle competenze digitali, in un piano di più
ampio respiro che ha previsto la condivisione di nuovi approcci di
formazione dei metodi nell’innovazione digitale.” “Ciò che è emerso
durante il progetto – ha sottolineato Davide D’Amico dirigente
pubblico e consigliere Aidr, è che l’acquisizione di competenze
digitali non è essenziale solo ed esclusivamente nell’ottica di una
maggiore richiesta da parte del mercato del lavoro. Attraverso le
competenze digitali, possiamo formare in modo consapevole i cittadini
della società digitale che va delineandosi, fornendo loro gli
strumenti per una partecipazione attiva.”

Rispondi