Riaperture, Ferrero: “Non riapro sale cinema, è presa in giro”
“Non è possibile che dall’America vengano in Italia quando alle 22 dobbiamo chiudere come i ristoratori, è una presa per i fondelli. All’interno dei cinema non posso aprire il bar, che è l’incasso che bilancia, mentre quelli fuori dalla sala possono fare asporto: una commedia degli equivoci”. Lo dichiara l’imprenditore Massimo Ferrero in una intervista a Il Tempo che spiega perché le sue 12 sale cinematografiche a Roma resteranno chiuse: “Perché non ci sono i film. Quello che ha vinto l’Oscar l’altra notte fra poco sarà su una piattaforma che guardi da casa e così anche per chi ha vinto il David. Aprire una sala cinematografica non è come montare in bicicletta: ci vogliono almeno 20 giorni, da parte dei distributori, per organizzare nuove uscite e piazzamenti. Riaprire un cinema con le normative e i protocolli anti-Covid che giustamente sono in atto, comporta un sacco di lavori e di spese. Senza dimenticare che il cinema lavorava da sempre a ottobre, novembre, dicembre, a gennaio ed a febbraio. Già in passato si è provocato lanciando novità durante la cosiddetta bella stagione, ma non ha funzionato. Quindi, se io dovessi riaprire, dovrei fare dei lavori, pagare mentre la stagione vera è praticamente terminata”.
E conclude: “In questa situazione credo che l’unica soluzione reale sia il pagamento della cassa integrazione e dei contributi di sostegno per chi fa cultura ma mancano i ristori da gennaio ad aprile. Siamo fermi a dicembre e, per organizzare al meglio anche il rischio perdite, c’è bisogno di un’assegnazione precisa, com’è successo in passato. Siamo fiduciosi che ciò avvenga in tempi brevi”.

Nuove Notizie Press

Rispondi