Due agenti di Polizia penitenziaria sono stati aggrediti nel carcere “Ucciardone Maresciallo Di Bona” a Palermo. Così denuncia Maurizio Mezzatesta, segretario provinciale del sindacato, Fsa-Cnpp, che afferma: “Un detenuto, per una breve attesa, ha colpito con un pugno un agente coordinatore capo di 50 anni. Un secondo carcerato ha più volte oltraggiato e minacciato l’assistente capo coordinatore addetto alla vigilanza al piano, della stessa terza sezione. Ci risiamo. Non facciamo altro che ricevere continuamente aggressioni fisiche e verbali per futili motivi. Questi episodi non dovrebbero minimamente passare nella mente di chi sta affrontando un percorso di trattamento e rieducazione in un penitenziario. Oltre che esprimere la nostra solidarietà ai colleghi colpiti da minacce fisiche e verbali, auspichiamo l’arrivo di personale per sopperire alle carenze in atto nella Casa di reclusione “Maresciallo Di Bona”.

Rispondi