Secondo quanto emerge da un’inchiesta della Procura di Caltanissetta, sostenuta dai Carabinieri del Comando provinciale, i nigeriani avrebbero conquistato in città diverse zone, fino a costituire un potente clan che guadagna con lo spaccio di droga ed il controllo della prostituzione. Da migranti in Sicilia a boss della criminalità. I Carabinieri hanno arrestato 16 indagati, di cui 14 nigeriani e 2 siciliani. Loro avrebbero composto un’organizzazione denominata “Ika Rima”, un’articolazione delle mafie nigeriane presenti in Italia. La base operativa degli africani sarebbe stato il centro storico di Caltanissetta.

Rispondi