Palermo, 5 agosto 2021 – Siram Veolia prende atto con soddisfazione della sentenza emessa dal Tribunale di Palermo, che ha assolto per non aver commesso il fatto il proprio dipendente Angelo Montisanti dall’imputazione di corruzione che gli era contestata nell’ambito del procedimento c.d. “Sorella Sanità”.

Siram Veolia conferma la propria intenzione di cooperare, in piena trasparenza, con l’Autorità Giudiziaria al fine di pervenire ad un corretto e rigoroso accertamento dei fatti, confidando al contempo di poter dimostrare la correttezza e l’integrità dell’Azienda.

Siram Veolia rinnova il proprio costante impegno a promuovere regole di comportamento basate su un sistema di valori condiviso e diffuso, improntato all’etica, alla responsabilità e alla trasparenza come pilastri del proprio agire d’impresa.

Rispondi