La morte di Grazia e Salvatore Pastorello, madre e figlio, di 89 e 73 anni, rinvenuti cadaveri in avanzato stato di decomposizione in un’abitazione al settimo piano in via Cappuccini, nella zona di Corso Calafimi a Palermo, sarebbe stata un dramma della solitudine. Infatti, l’uomo è stato trovato ormai scheletrico, e la sua morte è collocata temporalmente prima di quella della madre. Lui è stato l’unico ad occuparsi delle cure alla madre, costretta a letto per problemi di deambulazione. Dunque l’anziana donna potrebbe essere morta di stenti.

Rispondi