La Procura di Palermo, tramite il pubblico ministero, Giorgia Righi, che ha coordinato le indagini della Squadra Mobile, ha chiesto al Tribunale il giudizio immediato a carico del medico neuropsichiatra Marcello Grasso, 70 anni, fratello dell’ex presidente del Senato, Pietro Grasso. E’ imputato di abusi sessuali. E le presunte vittime hanno confermato le accuse in occasione di un incidente probatorio. All’interno del suo studio medico, Grasso avrebbe approfittato della fragilità di tre sue pazienti, tra cui due studentesse universitarie, e dei loro problemi di autostima. E, utilizzando un tecnica molto particolare mutuata dal teatro, le avrebbe palpeggiate nelle parti intime e costrette ad indossare abiti molto succinti per poi fotografarle. Secondo la difesa, le presunte vittime non avrebbero accettato il loro aspetto e, per aiutarle a non ritenersi brutte e, invece, ad apprezzarsi, il neuropsichiatra le avrebbe indotte ad indossare dei costumi burlesque. La Procura cita, tra l’altro, il caso di una delle vittime che non avrebbe accettato le dimensioni ridotte del suo seno, ed è per questo che il medico le avrebbe proposto di massaggiarla proprio in quel punto.

Rispondi