Scoperto un nuovo “trucco” per viaggiare dal Regno Unito alla Sicilia, nonostante la positività al Covid. Un “bluff” sui tamponi permetterebbe infatti di imbarcarsi tranquillamente dai voli inglesi per l’Isola, senza alcuna sicurezza nei controlli anti-Covid. Una falla nel mondo dei trasporti a lunga percorrenza, a pochi giorni dal decreto del Governo italiano sull’obbligo del green pass.

Il nuovo “trucco” sui tamponi riguarderebbe i voli dell’asse Inghilterra-Sicilia. A riportarlo oggi il Giornale di Sicilia in edicola, che fa il punto sul metodo adoperato dagli inglesi per viaggiare liberamente con tamponi farlocchi. In pratica, «in Inghilterra si può comprare un test on line e fotografarlo per inviare il responso al laboratorio prima che la “striscia” si colori. Decine di risultati sarebbero negativi dunque solo sulla carta», scrive il Gds.

Un viaggiatore positivo al Covid a Londra, potrebbe risultare quindi negativo ufficialmente nel referto del laboratorio che ha venduto il kit online. E così sarebbe autorizzato sulla carta a viaggiare tranquillamente, come se nulla fosse, col rischio di infettare l’intero volo e gli altri viaggiatori diretti in Sicilia. E i siciliani con cui entrano in contatto.  Il trucco – stando ai racconti di molti siciliani residenti nel Regno Unito – sarebbe addirittura molto utilizzato. Una gigantesca falla per la sicurezza aeroportuale e sanitaria del nostro Paese.

La normativa italiana, per chi viene dal Regno Unito, prevede un test da effettuare entro 48 ore prima della partenza, oppure, in alternativa, una quarantena di cinque giorni in Italia.

 blogsicilia

Rispondi