Sono 43.229.551 le persone che in Italia hanno completato il ciclo vaccinale, ovvero l’80,04% della popolazione over 12 in base al dato delle ore 6 e 12 minuti di oggi domenica 10 ottobre: è stato dunque appena raggiunto, già ieri sera, il target stabilito mesi fa dal Governo in accordo con il Commissario per l’Emergenza Francesco Figliuolo, in merito al Piano per la vaccinazione anti Covid19.

Quasi una beffa la somministrazione della dose che permette di superare quel target è avvenuta proprio durante gli scontri a Roma e l’assalto alla sede della Cgil

Nell’isola sono 6 milioni 462mila 543 le dosi somministrate. La copertura ha superato il 93% degli over 80 e il 90% dei settantenni. Anche nelle fasce 60-69 e 50-59 c’è una risposta che migliora con rispettivamente l’86,81% e l’81,31%. Scendendo con l’età, però, la situazione cambia, 75,47% i quarantenni vaccinati, 72,85% i trentenni, 77.,60% i ventenni e solo il 62,82% fra 12 e 19 anni. Tutti dati riferiti alla doppia dose somministrata. restano sacche importanti di resistenza nel Catanese e nel Siracusano che sono considerati territori a rischio e in alcuni paesi del Messinese

La maggior parte dei casi Covid19 notificati negli ultimi 30 giorni in Italia sono stati diagnosticati in persone non vaccinate mentre si osserva una forte riduzione del rischio di infezione da virus Sars-Cov-2 nelle persone completamente vaccinate rispetto a quelle non vaccinate (78% per la diagnosi, 93% per l’ospedalizzazione, 95% per i ricoveri in terapia intensiva e per i decessi). Ma il dato di rilievo sull’efficacia dei vaccini si conferma quello nella fascia degli over 80 dove il tasso di ricovero negli ultimi 30 giorni è di 8 volte più alto tra i non vaccinati rispetto ai vaccinati con ciclo completo (222,5 contro 26,8 ricoveri per 100.000 abitanti) e quello di decesso di 13 volte più alto (129,5 contro 9,8).

blogsicilia

Rispondi