Si svolgerà il prossimo 5 novembre la perizia psichiatrica su Antonio De Pace, l’infermiere calabrese che ha ucciso la fidanzata di Favara, Lorena Quaranta, in un’abitazione di Furci Siculo, nel Messinese, il 31 marzo del 2020. Così hanno disposto i giudici della Corte di Assise di Messina. L’incarico peritale è stato affidato al professor Stefano Ferracuti, ordinario di Psichiatria e Criminologia all’Università “La Sapienza” di Roma. A richiedere la perizia è stato il pubblico ministero, a seguito del deposito di una perizia da parte della difesa dell’imputato, rappresentata dai legali difensori Bruno Ganino e Salvatore Silvestro. La difesa di parte civile ha nominato come proprio consulente il dottor Domenico Micale. E la difesa di De Pace ha scelto la professoressa Giusy Fanara. Ad assistere la famiglia di Lorena Quaranta sarà l’avvocato Giuseppe Barba. In Aula è stato ascoltato il medico di famiglia di De Pace. Il professionista avrebbe escluso precedenti psichici o disturbi di qualsiasi natura. Il dibattimento è stato aggiornato al prossimo 19 gennaio.

Rispondi